Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Quinta edizione della Conferenza del Soft Power Club in India.

Grande successo per la V Conferenza del Soft Power Club che si tiene in India, nello Stato del Kerala, su invito di Amitabh Kant, Sherpa del G20 per il Presidente Modi. Al centro della due giorni del Club fondato e presieduto da Francesco Rutelli, il Soft Power dell’India che – nel difficile momento internazionale che stiamo vivendo – assume un ruolo sempre più rilevante.

L’evento si svolge presso il Technopark di Trivandrum. Tre i principali panel: “Perché il Soft Power conta per i Governi, i popoli, le industrie”; “Il Soft Power – con il Turismo e la Cultura – indirizza la Crescita”; “Planet, Progress, People and Prosperity”.

Tra i Membri del Club, oltre a Kant e Rutelli, partecipano, in presenza e in video, Irina Bokova, Lord Charles Powell, Ana Luiza Massot Thompson-Flores, Philippe Donnet, il Principe di Giordania El Hassan bin Talal.

Alla Conferenza e’ giunto l’importante Messaggio da parte del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella.

Molto rappresentativa la delegazione italiana, accompagnata dall’Ambasciatore d’Italia in India, Vincenzo De Luca, con una delegazione della Camera dei Deputati, guidata dal Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione, On. Federico Mollicone, assieme all’on. Mauro Berruto. Tra gli interventi in programma: Carlo Ratti, curatore dela 19ima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia nel 2025 e Direttore MIT Senseable City Lab; Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso ed Acotel; Alberto Tripi, Presidente di Almaviva; Maurizio Taffone Senior Director International Markets Almaviva; Renata Sansone, Chief Operating Officer Civita Mostre e Musei S.p.A. Per costruire opportunità di collaborazione industriale e creativa, i leader delle aziende europee e italiane dell’Animazione: Anne Sophie Vanhollebeke, Executive Producer of Motion Pictures and TV Program; Cristian Jezdic, CEO beQ entertainment CEO; Alfio Bastiancich, specializzato in animation e youth productions.

Tra gli interventi rappresentativi indiani: Mohammed Riyas, Tourism Minister Govt. of Kerala; V. Venu, Chief Secretary Govt. of Kerala; Sanjeev Sanyal, Member of the Economic Advisory Council del Primo Ministro indiano; Suman Billa, Principal Secretary, Industries & NORKA; V.K. Mathews, Chairman, GTech and Founder & Executive Chairman of IBS Software; Rathan U Kelkar, Secretary, Electronics & Information Technology, Govt. of Kerala; Biju K., Secretary-Tourism, Govt. of Kerala; Anup Rau, MD & CEO of Future Generali India; i rappresentanti della Camera di Commercio del Kerala, Karan Modi, Managing Director, Modi Group; Suneel Vyas Director Modi Group.

Federico Mollicone, Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati ” A marzo 2023 il viaggio del Presidente Meloni e del Ministro Tajani in India ha sancito un forte accordo di difesa e rinnovati rapporti bilaterali. L’Italia – nell’annuale indice sul soft power – è tornata quest’anno fra i primi 10 posti grazie soprattutto al peso delle categorie “Cultura e patrimonio”. Attraverso la cultura si possono aprire nuove connessioni, nuove alleanze e riscoprire antiche amicizie tra le nostre nazioni”.

Amitabh Kant, Sherpa del G20 per il Presidente Modi: “Siamo grati al governo del Kerala per aver ospitato la Soft Power Conference al Technopark di Thiruvananthapuram. Apprezziamo che Mohammed Riyas, membro del Governo del Kerala, abbia inaugurato la conferenza. Siamo orgogliosi che la Conferenza si tenga in India, che con la guida del Primo Ministro Narendra Modi è divenuta la quinta potenza economica del mondo, e che ha concluso con successo la conferenza del G20 con pieno consenso sui temi della crescita, dello sviluppo e della cultura. Apprezziamo che la presidenza indiana del G20 abbia avuto come tema portante “Una Terra, una Famiglia, un Futuro”, secondo l’antico concetto indù di Vasudhaiva Kutumbakam (il mondo intero è una sola famiglia). Questo approccio umanocentrico rappresenta un grande simbolo dell’unicità del soft power in India. La cultura, la storia e lo spirito di civiltà indiane sono unici e convergono con la storia e la cultura dell’Italia. Entrambi i Paesi hanno una meravigliosa relazione economica e culturale guidata dai rispettivi leader. Sono particolarmente felice che la conferenza sul soft power si svolga in Kerala. Il Kerala è un eccezionale esempio di alto indice di sviluppo umano, qualità della vita ed eccezionali risorse culturali e turistiche. Sono particolarmente felice che l’orgoglio turistico del Kerala – backwaters, housewaters, arti marziali, danza, cucina – siano davvero unici e speciali. Ieri sera abbiamo apprezzato molto il Festival della Danza di Nishagandhi. Ringraziamo il governo del Kerala per la sua ospitalità. Abbiamo qui con noi alcuni brillanti componenti del soft power club. Agiremo tutti come ambasciatori del marchio dello Stato del Kerala per promuovere e commercializzare il Kerala come una grande destinazione mondiale per il soft power. Ne promuoveremo l’arte, la cultura, il turismo e il tecnoparco. Auguriamo allo Stato del Kerala tutto il meglio e un grande futuro. E sono pienamente d’accordo con molti leader che hanno affermato che “Questo NON è solo il decennio dell’India, ma questo è il secolo dell’India”. Il soft power unico dell’India farà sì che ciò accada.”

Francesco Rutelli, Fondatore e Presidente Soft Power Club: “Senza l’India, come forza di innovazione e progresso, non ci sarà soluzione per le crisi del mondo e per lo sviluppo umano. La Conferenza del nostro Soft Power Club in Kerala, nel cuore della trasformazione digitale della più popolosa nazione del mondo, porta le voci degli autorevoli Membri internazionali, dall’Italia il messaggio del Presidente Mattarella, la voce del Parlamento assieme ai leader delle industrie culturali, tecnologiche, audiovisive e dell’animazione, food and wine. Al centro, multilateralismo efficace, e promozione degli interessi nazionali attraverso un rinnovato Soft Power”.